Horizon 2020 – fase 1: superata! Il progetto di Arca24

Horizon 2020: Arca24 supera la prima fase del programma con il suo software CB1-18 pensato per condurre automaticamente un colloquio di lavoro

Arca24 è una società con sede in Svizzera che si occupa di HR Software Solutions, ovvero di sviluppare soluzioni pensate appositamente per il mercato del lavoro e per chi opera nel mondo HR. Grazie al progetto CB1-18 Chatbot tool for automatic job interview ha superato la prima fase di Horizon 2020, il bando europeo sulla ricerca e l’innovazione che ha il primario scopo di supportare la ricerca e lo sviluppo tecnologico. Andiamo quindi a conoscere meglio le finalità di Horizon 2020 e il progetto innovativo proposto e portato avanti da Arca24, che promette importanti sviluppi nell’ambito della selezione del personale.

Horizon 2020

Horizon 2020: cos’è e quali sono i suoi obiettivi

Horizon 2020 è il più grande programma di ricerca e innovazione dell’Unione Europea e, con i suoi quasi 80 miliardi di euro disponibili in sette anni (2014 – 2020), finanzia progetti di ricerca o azioni volte all’innovazione scientifica e tecnologica che portino un impatto significativo sulla vita dei cittadini europei. Al programma possono partecipare organizzazioni e persone appartenenti agli Stati membri dell’Unione Europea o ai Paesi associati attraverso la presentazione di un progetto. Tutte le proposte vengono valutate dalla Commissione Europea in base a specifici criteri quali eccellenza, impatto e attuazione, e quelle ritenute idonee sono ammesse al finanziamento. Di tutte le aziende aderenti all’iniziativa hanno potuto partecipare solamente 55 appartenenti al territorio svizzero, due sole delle quali ticinesi e una delle quali a sua volta proprio Arca24. Si tratta sicuramente di un grande traguardo per il Ticino, premiato da Bruxelles per la sua partecipazione e il suo contributo attivo all’innovazione tecnologica.

Horizon 2020

CB1-18: il progetto di Arca24

Ma veniamo al progetto su cui sta lavorando Arca24. CB1-18 è un programma composto da una serie di software chiamati Chatbot, un’entità artificiale conversazionale in grado di interagire con i candidati. Al contrario di altri Chatbots che possono solamente rispondere alle domande dei consumatori, come nel caso di servizi bancari e assicurativi, questo software è stato sviluppato in modo che possa fare domande piuttosto che dare risposte. CB1-18 infatti è in grado di condurre automaticamente un colloquio di lavoro attraverso l’utilizzo di una vera e propria intelligenza artificiale e di regole semantiche. Il software riesce prima di tutto a verificare le capacità dei candidati tramite domande sulla loro carriera professionale e test sulle competenze linguistiche, così come sulle capacità di stampo cognitivo, relazionale e comunicativo.

L’ obiettivo è quello di creare software che possano migliorare il reclutamento attraverso l’ottimizzazione e l’automatizzazione dei processi di selezione. In particolare lo scopo del progetto è quello di sviluppare un nuovo prodotto quasi interamente automatizzato che permette quindi di risparmiare tempo in ogni singolo processo di selezione lasciando ai recruiters solo la decisione finale. Il software aiuta le persone a mettere in risalto le proprie competenze e il proprio valore, facendo sì che tutti possano partire dallo stesso livello e avere pari opportunità senza alcuna distinzione.

CB1-18 è quindi un software che si fonda sulle eguali opportunità e sulla professionalità. Per Arca24 rappresenta senza dubbio un valido strumento nell’evoluzione del mercato HR, un sistema che racchiude in sé un grande impatto economico con grandi implicazioni sociali allo stesso tempo.

Ora l’azienda è pronta ad affrontare anche la fase 2, con il primo appuntamento fissato al 10 ottobre di quest’anno. Per l’occasione, sta portando avanti con impegno lo sviluppo del progetto attraverso partnership e collaborazioni importanti.

 

CATEGORIES
TAGS